Sabato, 25 Novembre 2017 ore 06:54
Alla mensa dell'amore per essere dono

14.06.2016 - 15:43
La Liturgia della Parola di questa domenica ci parla di peccato e di redenzione, presentandoci due storie umane, in cui l’ultima parola – di misericordia e perdono – è pronunciata da Dio (o da un suo profeta), perché chi ha peccato possa riconoscere i propri errori, rialzarsi e ricominciare una nuova vita. Nella sua casa, Davide (prima lettura) dà dimostrazione di un uso scaltro e malvagio dell’intelligenza e del potere, fi­no a provocare la morte di un innocente. Il cuore di Davide, spinto al peccato dalla passione, viene però “recuperato” dal profeta Natan, che lo conduce al riconoscimento della propria colpa e alla conversione. Sui gesti di morte compiuti da Davide vengono così pronunziate parole di vita: «Il Signore ha rimesso il tuo peccato: tu non morirai». Nella casa di Simone (Vangelo) ha luogo un’altra storia di peccato e redenzione. Su una donna viene pronunziato un giudizio senza appello («è una peccatrice»), con la pretesa di far diventare questa condanna l’unica chiave di lettura della sua storia e del suo cuore. Ma Gesù non la pensa così. Al giudizio e alla condanna perentori pronunziati da Simone, padrone di casa, si contrappone l’affermazione perentoria, ma misericordiosa e aperta alla vita nuova, di Gesù: «I tuoi peccati sono perdonati!». IL VERO PROFETA. Simone ospita Gesù nella sua casa, ma non è disponibile ad accettarne il cuore né la logica. Per la sua mentalità farisaica, infatti, se fosse un vero “profeta” Gesù dovrebbe denunciare chi è quella donna, umiliandola e scacciandola: è giusto prendere le distanze dal peccatore per non contaminarsi con lui! Ma Gesù, con i suoi gesti e le parole, insegna che il vero “profeta” non giudica per condannare e distruggere, ma accoglie chi si duole dei propri peccati con sincerità, ridandogli fiducia e speranza. A Simone, che pure ha accolto Gesù nella sua casa, appare eccessivo l’atteggiamento della donna, con il suo vaso di profumo versato e i gesti d’amore nei confronti del Maestro. Simone è un fervente fariseo e un conoscitore della Legge, ma ha una grande carenza: non sa cos’è l’amore e cosa l’amore fa fare! Quella donna, invece, pur ferita dal suo peccato, sa ancora amare e chiedere perdono. Con il risultato che «sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco». Un insegnamento valido e attuale per ciascuno di noi, tanto a livello personale quanto comunitario. La Chiesa di Gesù Cristo è chiamata a testimoniare e incarnare la misericordia “ricostruttiva” di Dio, che denuncia con franchezza il peccato, ma ama e recupera il peccatore. Un’esigenza evangelica che, particolarmente in quest’anno giubilare, deve spingerci a dare speranza e incoraggiamento a chi, sotto il peso delle proprie cadute, fatica a rialzarsi e rimettersi in cammino. (da Famiglia Cristiana)
Redazione
Leggi anche
Cultura & Spettacoli
“I tuoi passi lenti… verso l’origine dell’amore” in un volume di Giuseppe Gervasi
È un cammino a metà tra poesia e realtà il libro “I tuoi passi lenti… [...]
Politica
Sanità, il presidente della Provincia sul reparto di Reumatologia
“Sull'assistenza sanitaria non siamo disposti a concedere sconti a [...]
Ultime news
21.10.2016 - 15:50
#stradepulite Calabria, Anas: rimozione rifiuti abbandonati lungo la rete stradale ricadente all’interno Ente Parco della Sila
Anas comunica che, proseguono le attività di rimozione dei rifiuti abbandonati lungo alcune strade statali in collaborazione con gli Enti locali. [...]
21.10.2016 - 15:49
#stradepulite Calabria, Anas: rimozione rifiuti abbandonati lungo la rete stradale ricadente all’interno Ente Parco della Sila
Anas comunica che, proseguono le attività di rimozione dei rifiuti abbandonati lungo alcune strade statali in collaborazione con gli Enti locali. [...]
09.10.2016 - 12:21
Il capogruppo di Forza Italia Alessando Nicolò sulla visita dell'Ambasciatore Usa in Italia John R. Phillips
“Assenza di garbo istituzionale e incredibile disconoscimento dei ruoli di rappresentanza democratica che implicano non solo aspetti formali che non [...]
09.10.2016 - 11:45
Anas investe 60 milioni di euro per il ripristino e la protezione degli impianti, in galleria e all’aperto, e l’utilizzo di sistemi anti-effrazione
Prosegue il forte impegno di Anas nella protezione dei propri impianti dal danneggiamento e dal furto, al fine di garantire la continuità del [...]
Guarda tutte le news
Sport
PGS Calabria, ai nastri di partenza la nuova stagione sportiva
11.10.2016 - 17:04

Cronaca
Registrati 651 Infortuni Mortali sul Lavoro in Italia da Gennaio ad Agosto 2016
23.10.2016 - 11:34

Cultura
“I tuoi passi lenti… verso l’origine dell’amore” in un volume di Giuseppe Gervasi
23.10.2016 - 12:59